Console next gen: Wii, Xbox, Play e… Ouya!

Luna 0
Console next gen: Wii, Xbox, Play e… Ouya!

Questo è il tempo delle speculazioni, delle speranze, della lotta alle dichiarazioni, delle finte indiscrezioni. È il momento di attesa alle console next-gen, le prossime stazioni videoludiche per eccellenza, un attimo prima dell’ufficialità. Quelle attuali cominciano a sentire il peso degli anni, chi più chi meno. La Playstation 3 ha 6 anni, come la Wii, la Xbox 360 ne ha 7. Sono tanti, soprattutto in questo campo, dove la sempre miglior grafica dei videogiochi richiede piattaforme adeguate. Tra tutte la Wii è certamente quella più indietro, anche a causa di un hardware che era già datato al momento dell’uscita, ma che ha brillantemente superato le aspettative grazie a un rivoluzionario sistema di gioco. È per questo che la prima a uscire sul mercato sarà proprio la nuova creatura Nintendo, la Wii U. Le specifiche sono già note, come anche il controller-tablet che tanto sta facendo discutere. Si pensa che nel Natale del 2012 sarà già sugli scaffali, pronta a far ancora parlare di sé e a sfidare per prima il mercato. Lo sprint iniziale brucerà le concorrenti Sony e Microsoft o si preannuncerà una sconfitta di cui gli altri team faranno tesoro?
Dall’altra parte, Sony e Microsoft mantiengono il più stretto riserbo sulle console destinate a prendere il posto di quelle attuali. Nel marzo di quest’anno si era parlato di un’altissima risoluzione per la Playstation 4, addirittura 4096×2160, molto superiore anche a quella degli attuali televisori e del supporto per i giochi in 3d stereo a 1080p, contro i 720p della console attuale.  Tempo fa qualcuno aveva ipotizzato che Sony avrebbe commercializzato la Playstation 4 nei primi mesi del 2013, ma vista la scarsità di notizie dubitiamo che questo possa essere vero. Più probabile, invece, che si parli di fine 2013 o addirittura 2014 sia per Sony che per Microsoft.
Per l’Xbox i rumors sono più corposi. Si parla di architettura ARM, che dovrebbe consentire di diminuire le dimensioni della console e anche il prezzo. I nomi della nuova piattaforma si accavallano: XBOX 720, XBOX Loop, Durango e anche XBOX 8. L’acquisto di domini come xbox8.us e xbox8.org aveva fatto pensare che fosse proprio questo il nome della prossima console Microsoft. Nell’E3 2012, però, Microsoft aveva mostrato l’interazione tra l’attuale Xbox e i vari dispositivi mobili e questo, insieme ai domini registrati come xboxphone.com, xboxtablet.com e xboxlivetv.com, ha fatto fare marcia indietro.
Nel panorama delle console, però, si sta affacciando qualcos’altro. Si chiama Ouya ed è una console basata su Android. Il co-creatore della Xbox, Ed Fries, ha deciso di affidarsi a Kickstarter, un sito al servizio di chi desidera avviare un progetto tecnologico innovativo, che consente di raccogliere fondi per lo sviluppo. Il limite desiderato era 950 mila dollari. In poco più di un giorno si è arrivati a oltre 2 milioni di dollari di finanziamento, raccolti tra gli utenti che credono o sperano nel progetto. Ouya dovrebbe costare 99 dollari e avrà, con tutta probabilità, un hardware open composto da un chip Tegra 3, 1 GB di RAM e 8 GB di memoria flash interna. Dovrebbe disporre inoltre di Wi-Fi, Bluetooth, uscita HDMI, e di un controller wireless dotato di joystick analogici, touchpad, pad direzionale e nove pulsanti.
Il progetto, open source, include aziende come OLPC (One Laptop Per Child), JamBox, Yves Behar e Julie Uhrman. Chiunque potrà realizzare giochi per Ouya, ma dovranno necessariamente essere gratuiti o avere un prezzo accessibile, ai livelli delle applicazioni per smartphone Android. Considerando la difficile scalabilità degli attuali giochi per questo sistema operativo, è probabile che avrà un market Ouya dedicato. Può questa console, contro le previsioni dei più scettici, intaccare il predominio Sony-Microsoft-Nintendo?

Lascia un tuo commento »

What is 4 + 7 ?
Please leave these two fields as-is:
Attenzione: per poter pubblicare il tuo commento devi fare la somma dei numeri che vedi (abbiamo introdotto questo controllo per via del troppo Spam)