crash bandicoot: non chiamatelo videogioco!

Giuseppe Leo 0
crash bandicoot: non chiamatelo videogioco!

Oggi vogliamo parlare di videogiochi. In particolare faremo riferimento ad un videogame che ha segnato pomeriggi interi per diverse generazioni. Vediamo se anche voi come milioni di ragazzi tra i 20 ed i 27 anni ricordate di un certo coyote di nome Crash che ha allietato le giornate uggiose e pomeriggi interminabili. Parliamo proprio del mitico Crash Bandicoot! Per alcuni ragazzi Crash è molto più di un semplice videogioco. Non esageriamo quando affermiamo che potrebbe tranquillamente essere definito un amico con il quale sono trascorse le nostre giornate da piccoli e con il quale ancora oggi riusciamo a passare qualche ora in sua compagnia. Nel corso degli anni Crash si è evoluto, anche se molti rimpiangono le avventure passate nella giungla o in scenari sempre più suggestivi. Va detto ad onor del vero, che Crash si è dovuto adeguare a quelle che sono le console moderne. Alla fine degli anni ’90, cioè quando il primo Crash Bandicoot è stato distribuito, la sua console prediletta era la PlayStation. Con il tempo però la tecnologia si è mossa veloce e quindi non è stato facile tenere il passo. Il modo di giocare è cambiato, si è evoluto dal vecchio e tradizionale andamento orizzontale in cui il giocatore poteva muoversi solo a destra e sinistra oppure avanti ed indietro.

In alcuni Crash era possibile utilizzare mezzi speciali come per esempio l’acqua – scooter oppure il Jet Pack, la moto, lo snowboard e così via. Quelli erano gli albori di ciò che Crash con il passare del tempo sarebbe diventato. Il primo Crash poteva solo saltare e girare su se stesso in modalità vortice. Con il passare del tempo altre mosse furono incluse nelle abilità del coyote più famoso dei videogames come per esempio la spanciata oppure il doppio salto. Di pari passo sono evolute anche le dinamiche di gioco. Mentre nei primi giochi si poteva esplorare a proprio piacimento il livello in lungo ed in largo, nelle avventure successive ci sono stati degli spin-off. Crash è arrivato quindi su nuove piattaforme come Nintendo nella sua vesta di gioco Kart, un po’ come accaduto per la serie di Super Mario Bros. La serie di Crash Bandicoot distribuita dalla Naughty Dog è stata prodotta fino al 2000. Successivamente sono cambiate le produzioni, addirittura Crash è sbarcato anche su piattaforme mobili come gli smartphone. Se disponete di un iPhone infatti, potete scaricare dall’Apple Store la versione mobile di un coyote che alle soglie del 2000 stregò milioni di utenti.

Lascia un tuo commento »

What is 6 + 10 ?
Please leave these two fields as-is:
Attenzione: per poter pubblicare il tuo commento devi fare la somma dei numeri che vedi (abbiamo introdotto questo controllo per via del troppo Spam)